UA-74305567-1 BIOGRAFIA – MARIAGRAZIA PELLERINO

Sono  nata  quando  la  Fiat  era  una nuvola  di tute  blu in  bici che tornavano a casa e tra queste cercavo il blu di mio padre.

Sono cresciuta in una città che era periferia.
La mia passione politica è nata sui banchi di scuola: dal Sunia, dove da studente lavoravo con il movimento degli  inquilini, ad Assessora alla Cultura del comune  di Nichelino, dove  ho vissuto sino  al 1987.
Da avvocata mi sono orientata  verso l’ impegno sociale: negli  anni ’90 in un collettivo di giuristi a  sostegno dei diritti dei migranti, nella redazione di AspeMigrazioni col gruppo Abele.
Come segretaria della Camera penale del Piemonte, ho collaborato alla redazione di una proposta di legge su  difesa  d’ufficio e patrocinio per i  non  abbienti  poi  assunta  dall’allora Ministro di Giustizia Fassino.

Il  mio pensiero  e la  mia pratica   politica si  ispirano al pensiero  femminista della  differenza di genere,  frequento  “luoghi di donne”: associazioni, gruppi, spazi pubblici di confronto.

Sono stata tra le portavoci dell’associazione Emily. Sono sostenitrice del ricco associazionismo delle donne di Torino a cui tanto la nostra città deve riconoscere .
Sono stata componente della Commissione regionale pari opportunità.

Sono tra le fondatrici del Collettivo Civico delle donne per il Comune di Torino, impegnato da oltre cinque anni a tenere viva la relazione di scambio tra donne che fanno politica fuori e dentro le istituzioni.

Ho frequentato gruppi di discussione sui beni comuni, sul futuro delle città e di azione politica, ritenendoli luoghi privilegiati di elaborazione, che mostrano il desiderio di partecipazione della cittadinanza alla gestione della cosa pubblica.

Sono  stata  consigliera  d’Amministrazione,  per  il  Comune di Torino,  di Pra Catinat, centro  di educazione ambientale.

Dal 2005 al 2010  sono stata presidente di EDISU Piemonte (ente regionale per il diritto allo studio universitario) dove, a detta  degli studenti, ho cercato di coniugare  ampliamento dei servizi alla comunità universitaria con sostenibilità economica e ambientale.

Sono stata accanto agli studenti nelle lotte contro i tagli alle borse di studio decisi con la riforma Gelmini da governo nazionale e regionale di quegli anni.
Sono  avvocata penalista nello studio  di cui sono titolare, (www.studiolegalepellerino.it) dove lavoro   insieme ad  un piccolo  gruppo di  giovani collaboratrici e collaboratori, che mi hanno aiutata a continuare l’attività professionale che ho scelto di mantenere accanto all’incarico pubblico ricoperto da ultimo: sono convinta che la politica non debba essere un lavoro ma un  impegno civico.

In questi ultimi cinque anni ho infatti cercato di portare il mio contributo politico come Assessora alle politiche educative della Città di Torino, sostenendo la centralità della formazione come leva della crescita individuale e collettiva in condizioni di pari opportunità.

foto-MG-gatto