UA-74305567-1 CONNESSIONI EDUCATIVE – MARIAGRAZIA PELLERINO


CONNESSIONI EDUCATIVE

Le connessioni educative sono quelle che costituiscono la città come ecosistema formativo, in cui vive un legame tra tutti i soggetti che concorrono alla formazione e alla capacità delle/dei singole/i e della comunità.

Nel mondo globalizzato le città sono la dimensione emergente se sanno essere ecosistema e perché questo si realizzi le connessioni tra i diversi soggetti devono avere lo spazio è la porosità necessaria per riconoscersi è contaminarsi. Per questo è necessario vedere la filiera educativa, dall’infanzia all’università, come un percorso dove ogni segmento è rafforzato dai passaggi e dalle connessioni che si creano.

Le parole chiave delle connessioni educative sono: relazione, desiderio, conflitto, limite e partecipazione.

Relazione come relazione tra docente e discente in cui si impara e ci si educa a vedere l’altro/a.

Desiderio come desiderio di conoscenza e di esperienza, di ricerca generativa.

Conflitto che può essere sciolto dall’educazione al rispetto dell’altra/o, delle differenze, dalla conoscenza di se’ e dall’educazione al cambiamento.

Limite come educazione ad accettare la perfettibilità del mondo e di se’ e quindi la possibilità di ciascuno/a di noi di migliorarlo e migliorarsi.

Partecipazione come consapevolezza delle proprie capacità che sa trasformarsi in opportunità per tutte e tutti.

Una comunità mobile è aperta di risorse scambiabili.

avvio-paguro