UA-74305567-1 PARTECIPAZIONE – MARIAGRAZIA PELLERINO

PARTECIPAZIONE

Le strade giuste e le decisioni efficaci sono il risultato della partecipazione di molte e molti; le crisi economica e politica in cui viviamo hanno origine anche nella concentrazione del potere decisionale in poche mani: è una crisi della rappresentanza delle molte e dei molti.

A Torino non mancano gruppi di discussione, associazioni volontarie su diversi temi di interesse comune, cittadine e cittadini impegnati: il coinvolgimento di tutte e tutti nella gestione della cosa pubblica porta innovazione sociale, stili di vita consapevoli, elimina l’asimmetria informativa tra chi decide e chi è destinatario delle decisioni e quindi accorcia le distanze tra cittadine/i e decisori pubblici.

Per riorganizzare l’esistente e migliorare le condizioni future è necessario condividere le responsabilità delle scelte: il governo pubblico deve saper vedere e ascoltare queste competenze e valorizzarle, fare in modo che le parti migliori della citta si mettano l’una al servizio dell’altra per sostenersi e connettersi in un tessuto fatto di passaggi e paesaggi condivisi.

Per questo la partecipazione è stata una delle cifre del mandato in Giunta comunale: le politiche educative possono essere efficaci solo se si creano connessioni tra i diversi soggetti che si prendono cura della preparazione del futuro e se questi soggetti trovano le condizioni per lavorare insieme e partecipare alle decisioni del governo pubblico cittadino.

La CONFERENZA CITTADINA DELLE AUTONOMIE SCOLASTICHE e le sue COMMISSIONI di lavoro di dirigenti e insegnanti su orientamento e dispersione scolastica, su inclusione, su didattica innovativa ed edilizia e rete scolastica, costituita nel 2013 è stato un luogo di scambio di buone pratiche, di mappatura e coordinamento delle azioni esistenti, di progettazione innovativa, di decisioni condivise su diversi aspetti anche gestionali.

Il MENU L’HO FATTO IO: un progetto partecipato con cui gli alunni delle scuole primarie sono ingaggiati a proporre il menu delle mense scolastiche attraverso un percorso di educazione all’alimentazione sostenibile. Oggi più della meta dei piatti serviti nelle mense è stato scelto dalle bambine e dai bambini: PERCHE’ LA PARTECIPAZIONE E’ UNA COSA SERIA.

PIANO ADOLESCENTI: nato da una larga consultazione di circa 2000 adolescenti per intercettare i loro desideri e le loro proposte, con idee progettuali delle ragazze e dei ragazzi che sono state realizzate, in una azione di costruzione di cittadinanza attiva. Le Mappe della conoscenza territoriale che gli adolescenti stanno realizzando ci doneranno la visione e lo sguardo su Torino dei nostri giovani cittadini e cittadine.

Ma anche in molti altri progetti strategici, come Torino Citta Universitaria, l’approccio partecipativo e cooperativo è stato scelto come cifra della possibilita che il piano Comune fosse davvero efficace.

separatore_rosa

ARTICOLI E APPROFONDIMENTI:

banner-conferenzaAutonomie

CONFERENZA CITTADINA DELLE AUTONOMIE SCOLASTICHE

PDF – Comunicato Stampa: CONFERENZA CITTADINA AUTONOMIE SCOLASTICHE

PDF – Articolo: ITALIANO e MATEMATICA, ALUNNI TORINESI PROMOSSI

PDF – Articolo: SCUOLA, IL PIEMONTE PRIMEGGIA…

Scuola e territorio, un dialogo proficuo

separatore_rosa

CORTILI APERTI

CORTILI SCOLASTICI APERTI AL QUARTIERE

I cortili scolastici si trasformano in spazi pubblici aperti al quartiere

Si apre ai cittadini il cortile della scuola De Amicis

Progetto “Cortili Aperti”, si inaugura l’area della scuola Olivetti

Inaugurato il cortile della scuola Gozzi-Olivetti

inaugurazione-olivetti

separatore_rosa

ADOTTAUNQUARTIERE

ADOTTA UN QUARTIERE

PDF – ADOTTA UN QUARTIERE – programma

ITER – Progetto: ADOTTA UN QUARTIERE

PDF – LA BARIERA SI APRE AI PEDONI

Urban Barriera ADOTTA UN QUARTIERE

separatore_rosa

ADOTTAUNMONUMANTO

LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO

Quinta A della Duca D’Aosta. I migliori al concorso Piazze d’Italia

Torino Porte Aperte – maggio 2013

separatore_rosa